Le associazioni Vikidia e Wikimedia Francia hanno bisogno di te!
Le associazioni Vikidia e Wikimedia Francia hanno bisogno del tuo aiuto per partecipare a un sondaggio sui contributori e sui lettori di Vikidia. Ti basteranno solo 10 minuti e ci permetteranno di conoscervi meglio e migliorare l'enciclopedia.
Hai tempo dal 12 luglio al 30 settembre per rispondere. Ti ringraziamo in anticipo!

Link al sondaggio (in lingua francese)

Humphry Davy

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Wiki2map logo.svg
Leggi come una mappa mentale
Questo voce è una bozza sull'argomento "biografie", modificalo
Humphry Davy

Humphry davy.jpg
Humphry Davy

Nome
Cognome
Sesso
Luogo di nascita
Data di nascita
Luogo di morte
Data di morte
Attività
Humphry
Davy
M
Penzance
17 dicembre 1778
Ginevra
29 maggio 1829
chimico e divulgatore scientifico


Sir Humphry Davy (Penzance, 17 dicembre 1778Ginevra, 29 maggio 1829), è stato un chimico e divulgatore scientifico britannico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

A 16 anni lavorò come apprendista da un farmacista, dove cominciò ad appassionarsi alla chimica di Lavoisier, Newton e Boyle.

A 18 anni scrisse il primo compendio sui suoi esperimenti, attirando l'attenzione del professor Thomas Beddoes, che lo invitò a lavorare nel suo laboratorio universitario di Bristol.

Nel 1801 fu nominato professore alla neonata Royal Institution di Gran Bretagna e membro della Royal Society, di cui in seguito divenne presidente.

Nel 1800 Alessandro Volta presentò la propria pila elettrica, precursore delle moderne batterie. Davy usò la propria batteria per separare sali attraverso quella che oggi viene chiamata elettrolisi. Con un certo numero di batterie in serie, Davy fu in grado di isolare per primo gli elementi di potassio e sodio nel 1807 e calcio, stronzio, bario, magnesio e boro nel 1808, diventando uno dei padri dell'elettrochimica moderna.

Davy fu capace di dimostrare che l'ossigeno non si può ottenere dall'acido muriatico e provò l'esistenza di un altro elemento, che chiamò cloro (lo scopritore del cloro era stato Carl Scheele trentasei anni prima). La scoperta sconvolse il lavoro di Lavoisier, che aveva definito gli acidi come composti dell'ossigeno.

Nel 1818 fu nominato baronetto.