Harry Potter e la pietra filosofale (libro)

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Harry Potter e la pietra filosofale (libro)

P Harry Potter 2.png

Genere
Lingua originale
Autore
Editore
Anno di pubblicazione
romanzo
inglese
J. K. Rowling
Bloomsbury
1997


Harry Potter e la pietra filosofale è il primo di una serie di sette romanzi, scritto e ideato dalla scrittrice britannica J. K. Rowling nel 1997, che ha come protagonista il giovane mago Harry Potter. Il romanzo ha riscosso un'enorme successo con quasi 120 milioni di copie vendute nel mondo.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Harry è un'orfano, che viene affidato agli zii (i Dursley) da Albus Silente, preside della scuola di magia e stregoneria di Hogwarts. Harry viene a sapere di essere un mago dopo che i Dursley gliel'avevano sempre tenuto nascosto, riuscendo comunque ad iscriversi alla scuola di Hogwarts, dove conosce Ron, Hermione, Hagrid e Silente e combatte per la prima volta contro Lord Voldemort, ridotto ad un semplice spirito e costretto a vivere nel corpo del professor Raptor, dopo che Harry uccide quest'ultimo grazie alla protezione di sua madre, che gli aveva trasmesso salvandolo dallo stesso Voldemort quando era neonato. Voldemort vuole entrare in possesso della pietra filosofale, custodita ad Hogwarts, e che gli permetterebbe di tornare grazie all'elisir di lunga vita, che si può creare con la pietra. Voldemort ha preso possesso del corpo di Raptor in attesa dell'elisir di lunga vita, sin da quando Raptor aveva fallito nel rubare la Pietra alla Gringott, il giorno stesso in cui incontrò Harry. Piton cercava invece di salvare Harry. Quando Raptor si svolge il turbante, si vede infatti il mostruoso viso di Voldemort sbucargli dalla nuca. Voldemort, usando Harry, riesce a trovare l'oggetto del suo desiderio: la pietra filosofale. Harry ha infatti trovato la Pietra da parte dello Specchio nella stanza, poiché lui la voleva solo trovare e non usare. Allora Voldemort ordina a Raptor di uccidere Harry, ma dopo che questi si avventa sul ragazzo, non riesce a toccarlo senza ritrovarsi le mani incenerite. Harry sfrutta questa possibilità inaspettata e riesce a difendersi dal professore, che rimane bruciato vivo nel tentativo, e lascia nuovamente Voldemort senza un corpo, che non può fare altro che fuggire. A Harry e ai suoi amici, a fine anno, vengono assegnati numerosi punti per le loro imprese eroiche, che permettono alla casa di Grifondoro, che era ultima, di superare Serpeverde e vincere la Coppa delle Case.