Guerra civile americana

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Questo articolo è una bozza sull'argomento "storia", modificalo
American Civil War Montage 2.jpg

La guerra civile americana (anche chiamata guerra di secessione americana) fu una guerra civile che scoppiò negli Stati Uniti d'America dal 1860 al 1865.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le ragioni[modifica | modifica wikitesto]

La guerra si svolse nel periodo delle elezioni presidenziali del 1860, dove c'erano conflitti di interessi politici ed economici. All'epoca si discuteva per i diritti dei neri e per l'abolizione della schiavitù. Infatti in quel periodo c'erano due fazioni: Nordisti e Sudisti. I Nordisti erano la fazione dell'Unione, cioè degli Stati Uniti d'America, i quali avevano l'idea politica di abolire la schiavitù e di dare dei diritti ai neri. I Sudisti erano l'altra fazione, la parte opposta, che rappresentavano gli Stati Confederati d'America che non volevano l'abolizione della schiavitù e lottavano per il mantenimento dell'economia delle proprietà di terre (latifondismo).

Leader storici[modifica | modifica wikitesto]

I due leader dell'epoca erano Abraham Lincoln per i Nordisti e Jefferson Davis per i Sudisti.

L'inizio e la fine[modifica | modifica wikitesto]

La prima battaglia fu nella cittadina di Fort Sumter, nella Carolina del Sud (12 aprile 1861) e l'ultima battaglia fu a Palmito Ranch, in Texas (14 maggio 1865).

Cronologia[modifica | modifica wikitesto]

Riflessioni e critiche storiche[modifica | modifica wikitesto]

Questa guerra comportò un alto costo economico e una grande perdita di vite umane tra sudisti e nordisti, sia civili che schiavi. Molti erano soldati neri, che venivano considerati dei soldati liberi alla causa della libertà personale ed economica.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]