Gravitazione universale

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Questo articolo è una bozza sull'argomento "fisica", modificalo
Gravitation.gif

La legge di gravitazione universale dimostra che due corpi si attraggono proporzionalmente alle loro masse e inversamente alla distanza elevata al quadrato. É una legge meccanica classica scoperta da Isaac Newton e pubblicata il 5 luglio 1687.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Ogni punto materiale attrae ogni altro punto di materiale con una forza che punta sulla linea di intersezione di ambedue i punti. La forza è proporzionata e al prodotto delle due masse e inversamente proporzionata al quadrato della distanza fra loro.

  • F è l'intensità della forza tra le masse,
  • G è la costante di gravitazione universale,
  • m1 è la prima massa,
  • m2 è la seconda massa, e
  • d2 è la distanza tra i centri delle masse.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Quill-Nuvola.svg Questa sezione è vuota, modificala


Polemiche[modifica | modifica wikitesto]

Quill-Nuvola.svg Questa sezione è vuota, modificala


Plagio[modifica | modifica wikitesto]

Il primo libro di Newton, "Principia", fu presentato alla Royal Society nel 1686, quando anche Robert Hooke accusò Newton di plagio, affermava che aveva preso da lui la "nozione" de "la regola della diminuzione della Gravità, agendo essa in modo reciproco come i quadrati delle distanze dal Centro. Allo stesso tempo, Hooke ammetteva che la Dimostrazione delle Curve con ciò generate era completamente di Newton.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]