Giuseppe Santomaso

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni


Giuseppe Santomaso
Nome
Cognome
Sesso
Luogo di nascita
Data di nascita
Luogo di morte
Data di morte
Attività
Giuseppe Santomaso
Santomaso
M
Venezia
26 settembre 1907
Venezia
23 maggio 1990
pittore


Giuseppe Santomaso (Venezia, 26 settembre 1907 - Venezia, 23 maggio 1990), è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Studia all'Accademia di Belle Arti di Venezia, partecipa alla XIX Biennale di Venezia del 1934 e poi inizia a sperimentare l'arte dell'avanguardia e lo studio diretto degli impressionisti e dei fauves. Un secondo elemento cromatico si unisce alla tradizione veneta del colore, è l'impressione che gli deriva dall'uso del colore in Van Gogh che ritroveremo traccia di quell'esasperato cromatismo.

A Parigi visita le grandi mostre internazionali: di fronte alle opere di Matisse, Braque, Pierre Bonnard e Picasso esposte nella capitale artistica della Francia rimane allo stesso tempo ammirato ma anche infastidito. Decide così di fare anche lui una sua prima mostra personale proprio a Parigi nel 1939 alle Galerie Rive Gauche, come una sfida a Picasso.

Il Gruppo degli Otto[modifica | modifica wikitesto]

Viene poi selezionato per partecipare a quasi tutte le Biennale (nel 1950, 1952, 1954, 1956, 1962, 1964, 1972, 1986 e 1988).

Alla XXVI Biennale del 1952 entra nel Gruppo degli Otto con Afro, Birolli, Corpora, Moreni, Morlotti, Turcato, Vedova) che volevano trasformare dall'interno la tradizione della pittura figurativa, evidenziando la necessità dell'astrazione, intesa come processo senza limiti prefissati. In questi anni supera le derivazioni cubiste per entrare nel surrealismo alla Miró e ad un astrattismo brutale, a cui non sono estranee anche influenze grafiche, da qui in poi si dedicherà sempre più alla produzione grafica.

Nella seconda metà degli anni Cinquanta si affranca completamente dal contenuto e dalla forma, il colore tende ormai alla pura luce, e la struttura stessa del quadro è ormai di pittura astrattismo informale, diffusa in Europa e negli Stati Uniti, ma si differenzia da questa perchè non ha connotazioni drammatiche, ma è sempre teso alla ricerca inesausta di armonia ed equilibrio. Del 1957 espone negli Stati Uniti e incontra gli esponenti dell'Espressionismo astratto con conseguenze sulle sue opere.