Le associazioni Vikidia e Wikimedia Francia hanno bisogno di te!
Le associazioni Vikidia e Wikimedia Francia hanno bisogno del tuo aiuto per partecipare a un sondaggio sui contributori e sui lettori di Vikidia. Ti basteranno solo 10 minuti e ci permetteranno di conoscervi meglio e migliorare l'enciclopedia.
Hai tempo dal 12 luglio al 30 settembre per rispondere. Ti ringraziamo in anticipo!

Link al sondaggio (in lingua francese)

Gallio (elemento chimico)

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Wiki2map logo.svg
Leggi come una mappa mentale
Gallio
Aspetto dell'elemento
Cristallo di gallio
Dati fisico/chimici
Zinco ← Gallio → Germanio
Numero atomico 31
Simbolo Ga
Temperatura di fusione 29 76 °C
Temperatura di ebollizione 2 400 °C
Anno della scoperta 1875
Scopritore Paul Émile Lecoq de Boisbaudran


Il Gallio nella tavola periodica è nella casella numero 31, il suo simbolo chimico è Ga.

Origine del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il Gallio fu scoperto da Paul Émile Lecoq de Boisbaudran nel 1875 esaminando una roccia proveniente dai Pirenei.

Il Gallio prende il nome dal cognome latinizzato dello scopritore.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Prima della Seconda guerra mondiale il Gallio era ottenuto soprattutto come sottoprodotto della lavorazione del rame.

Per molto tempo il gallio non fu usato molto nelle industrie.

Caratteristiche chimiche[modifica | modifica wikitesto]

Il gallio molto puro ha il colore argenteo; il gallio solido è abbastanza morbido e si può tagliato con un coltello. È stabile se lasciato all'aria aperta e in acqua, ma reagisce e si dissolve in liquidi acidi e basici.

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Il gallio viene utilizzato nell'industria elettronica. Il Nitruro di Gallio (con formula: GaN) è un semiconduttore formato dalla combinazione del Gallio (Ga) con l'Azoto (N) e si utilizza dagli anni '90 per produrre i diodi LED.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Anche se il Gallio è solido a temperatura ambiente, diventa liquido se riscaldato leggermente: basta il calore di una mano. Il gallio è uno dei pochi metalli che si presentano insieme allo stato liquido insieme al Mercurio, Cesio e Rubidio che hanno questa proprietà.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]