Francesco Natoli

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Questo articolo è una bozza sull'argomento "biografie", modificalo


Francesco Natoli
Nome
Cognome
Sesso
Luogo di nascita
Data di nascita
Luogo di morte
Data di morte
Attività
Francesco
Natoli
M
Principato di Sperlinga



Principe di Sperlinga

Francesco Natoli, conosciuto con il nome dinastico di Francesco I Natoli di Sperlinga, figlio del Principe SAS Giovanni II Natoli, fu l'ultimo principe sovrano del Principato di Sperlinga, a cui rinunciò nel 1658 vendendo il castello e la proprietà feudale di Sperlinga agli Oneto, ma concedendogli solo il titolo di duchi di Sperlinga, in quanto i Natoli mantennero sempre il titolo di Principi di Sperlinga per sè e per tutti i loro eredi sia maschi che femmine.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il Principe SAS Francesco Natoli è diventato reggente del principato in vece di suo padre il Principe Giovanni II Natoli, gravemente malato. È salito al trono, con il titolo di primo Duca di Archirafi per nomina di Re Carlo III di Borbone, a seguito della morte del padre.[1]

Il Principe Francesco Natoli nel 1762 costruì la città di Archirafi, su cui sorgeva solo una torre difensiva merlata in riva al mare, che fu distrutta da uno tsunami. Questa torre appare come blasone intorno al 1853 aggiungendosi ad un leone rampante.[2].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. Della Sicilia nobile, Volume 2, de Francesco Maria Emanuele e Gaetani Villabianca (marchese di)
  2. in cima alla torre il principe Natoli aveva scolpito di suo pugno con una antica spada nella pietra bianca la seguente iscrizione borbonica: «DOM Ferdinando Utriusque Sic Rege Pio, Felici, Invicto Joannes Natolius Rufus de.. Alifia Princeps Sperlinga, Dux Archiraphis Reg. un Cons.Urbic. Légion. Messanae Praefectus Antiquissimam Turrim Archiraphim Aetate ac Maris Impetu collapsam, Ne pago aucto Colonis frequentato Ducatus honore Nobili, Quae nomen dederat deficeret, Dans meliorem tutioremque locum Readificandam curavit. 1762 »

Biliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Vito Maria Amico, Dizionario topografico della Sicilia, Volume 2
  • Francesco Maria Emanuele e Gaetani Villabianca (Marchese di), Della Sicilia nobile, Volume 2