Etologia

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni

L’etologia è un ramo della biologia e studia il comportamento animale.

I tre padri di questo studio sono Karl von Frisch, Konrad Lorenz e Niko Tinbergen (nel Novecento).

Comportamento animale[modifica | modifica wikitesto]

Il comportamento di un animale è l'insieme delle risposte agli stimoli interni ed esterni a cui è sottoposto. Un comportamento può essere studiato in due modi:

  • descrivendo come si comporta un animale in un preciso ambiente
  • studiando il perché l’animale si comporta in un determinato modo in un luogo scelto.

Non sempre specie imparentate hanno comportamenti simili, perché possono essersi evoluti in ambienti diversi. L'eco-etologia si occupa del comportamento animale osservandolo in natura in relazione ai fattori dell'ambiente in cui si è evoluto.

Esistono due tipi di comportamento: innato (trasmesso geneticamente dai genitori) o appreso (imparato durante lo sviluppo e legato all'ambiente in cui vive). Molto spesso istinto e apprendimento sono collegati tra di loro, come per esempio nella mamma gatta e nel cucciolo di gatto, nelle scimmie o nei cuccioli di orsi che apprendono e imparano giocando tra di loro. Esistono sei forme di apprendimento:

  • per abitudine
  • per impressione oppure imprinting
  • per tentativi e errori
  • per condizionamento
  • per imitazione
  • per intuizione

L'imprinting è una forma di apprendimento che si sviluppa negli animali nelle prime ore di vita. Quando un cucciolo di animale vede per prima cosa un oggetto o un corpo che si muove, lo riconoscerà come mamma e lo seguirà per il resto della sua vita.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pietra A., Bottinelli E., Davit P., Bozzi M.L., La magia della Scienza - volume B, Lattes Editori, Torino, 2014