Le associazioni Vikidia e Wikimedia Francia hanno bisogno di te!
Le associazioni Vikidia e Wikimedia Francia hanno bisogno del tuo aiuto per partecipare a un sondaggio sui contributori e sui lettori di Vikidia. Ti basteranno solo 10 minuti e ci permetteranno di conoscervi meglio e migliorare l'enciclopedia.
Hai tempo dal 12 luglio al 30 settembre per rispondere. Ti ringraziamo in anticipo!

Link al sondaggio (in lingua francese)

Dubnio

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Wiki2map logo.svg
Leggi come una mappa mentale
Dubnio
Aspetto dell'elemento
Configurazione elettronica del dubnio
Dati fisico/chimici
Rutherfordio ← Dubnio → Seaborgio
Numero atomico 105
Simbolo Db
Temperatura di fusione
Temperatura di ebollizione
Anno della scoperta 1968
Scopritore Gruppo di ricerca Russo


Il dubnio, è un elemento chimico con numero atomico 105, ed è un elemento superpesante; come tutti gli elementi con numeri atomici così alti, è molto instabile. L'isotopo del dubnio più duraturo conosciuto, è il 268Db e ha un'emivita di circa un giorno. Il dubnio può essere ottenuto solo mediante produzione artificiale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il dubnio (il cui nome deriva da Dubna, una città russa) venne scoperto nel 1968 da un gruppo di ricerca russo dell'Istituto unito per la ricerca nucleare a Dubna. Nel 1970 un'equipe di ricercatori diretta da Albert Ghiorso dell'università di Berkeley identificò con certezza l'elemento 105.

L'elemento venne sintetizzato bombardando un atomo di californio con un raggio di nuclei d'azoto in un acceleratore di particelle. Gli atomi dell'elemento 105 furono individuati definitivamente il 5 marzo 1970 ma ci sono prove che questo elemento era già stato ottenuto un anno prima, usando lo stesso metodo.

Gli scienziati di Berkeley successivamente cercarono di confermare la scoperta sovietica usando metodi più sofisticati, ma senza successo. Proposero anche di battezzare il nuovo elemento hahnio (Ha), in onore dello scienziato tedesco Otto Hahn. Di conseguenza questo fu il nome utilizzato dalla maggioranza degli scienziati americani e dell'Europa occidentale.

Una controversia sul nome dell'elemento sorse in seguito alla protesta degli scienziati russi. L'Unione internazionale di chimica pura e applicata (IUPAC) quindi adottò provvisssoriamente unnilpentio (Unp) come nome dell'elemento.

Nel 1997 la disputa si risolse con l'adozione del nome attuale: dubnio, derivato dalla città russa che ospita l'istituto di ricerca nucleare dove l'elemento fu scoperto.

Utilizzi[modifica | modifica wikitesto]

Non ha alcun tipo di uso, così come non ha alcun ruolo biologico.