Donazione di Costantino

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni

La donazione di Costantino è un documento apocrifo creato in età medievale per giustificare il potere temporale della Chiesa. In questo documento si dice che Costantino nel 314, ha donato a papa Silvestro poteri, prerogative sui territori di Roma, d'Italia e di tutto l'Occidente (il cosiddetto " patrimonium Petrii"). I papi in età medievale rivendicano la veridicità di tale documento per legittimare il loro potere politico. In età umanistica Lorenzo Valla ne dimostrò la falsità.

Il contenuto[modifica | modifica wikitesto]