Divina Commedia

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Divina Commedia

Divina Commedia 1555 Edition.png

Genere
Lingua originale
Autore
Editore
Anno di pubblicazione
poema
Lingua toscana [1]
Dante Alighieri
J. Numeister, E. Mei[2]
1304-1321[3]


La Comedìa, conosciuta soprattutto come Divina Commedia è un poema di Dante Alighieri, in lingua volgare fiorentina, scritto in terzine. La Commedia è una delle più importanti opere della civiltà medievale, ritenuta una delle più grandi opere della letteratura di tutti i tempi, conosciuta e studiata in tutto il mondo.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Non si conoscono con esattezza i periodi in cui Dante scrisse ciascuna delle cantiche della Commedia, e gli studiosi hanno formulato ipotesi che collocano la sua composizione tra il 1304 e il 1321, anni dell'esilio di Dante in Lunigiana e Romagna. L'opera ebbe subito uno straordinario successo, e contribuì in maniera determinante al processo di consolidamento del dialetto toscano come lingua italiana.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Il poema è diviso in tre parti, chiamate cantiche (Inferno, Purgatorio e Paradiso), ognuna composta da 33 canti (tranne l'Inferno, che contiene un canto in più). Dante narra di un viaggio immaginario attraverso i tre regni ultraterreni, che lo condurrà fino alla visione della Trinità. La sua rappresentazione immaginaria e allegorica dell'"aldilà" cristiano, rispecchia la visione del mondo nella Chiesa cattolica durante il medioevo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. Precisamente, Volgare fiorentino
  2. Editore: Come editore s'intende la prima edizione stampata della Divina Commedia. Fu stampata a Foligno il 5 ed il 6 aprile 1472 dal tedesco Johannes Numeister e dall'italiano Evangelista Mei
  3. Anno di pubblicazione: Opera scritta e pubblicata tra il 1304 e il 1321 - Storia della Letteratura italiana volume II, Il Trecento, Garzanti, Milano (1965), pagina 69