Le associazioni Vikidia e Wikimedia Francia hanno bisogno di te!
Le associazioni Vikidia e Wikimedia Francia hanno bisogno del tuo aiuto per partecipare a un sondaggio sui contributori e sui lettori di Vikidia. Ti basteranno solo 10 minuti e ci permetteranno di conoscervi meglio e migliorare l'enciclopedia.
Hai tempo dal 12 luglio al 30 settembre per rispondere. Ti ringraziamo in anticipo!

Link al sondaggio (in lingua francese)

Curio

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Wiki2map logo.svg
Leggi come una mappa mentale
Curio
Aspetto dell'elemento
È un metallo radioattivo
Dati fisico/chimici
Americio ← Curio → Berkelio
Numero atomico 96
Simbolo Cm
Temperatura di fusione 1 340 °C
Temperatura di ebollizione 3 110 °C
Anno della scoperta 1944
Scopritore Glenn Seaborg, Ralph A. James e Albert Ghiorso


Il curio è l'elemento chimico della tavola periodica che ha come simbolo Cm e come numero atomico 96.

È un metallo radioattivo transuranico della serie degli attinoidi; prende il nome dai coniugi Marie e Pierre Curie.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il curio fu sintetizzato per la prima volta da Glenn Seaborg, Ralph A. James e Albert Ghiorso nel 1944 all'Università di Berkeley, in California.

Utilizzi[modifica | modifica wikitesto]

Il curio può essere utile come fonte portatile di energia, dato che genera circa due Watt di energia per grammo.

Trova uso negli stimolatori cardiaci, nelle boe per la navigazione in mare aperto e nei veicoli spaziali.

Interazioni col corpo umano[modifica | modifica wikitesto]

Il curio tende ad accumularsi nei tessuti delle ossa, dove la sua radiazione distrugge il midollo osseo bloccando la produzione dei globuli rossi.