Cromo

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Wiki2map logo.svg
Leggi come una mappa mentale
Cromo
Aspetto dell'elemento
Cromo allo stato solido
Dati fisico/chimici
Vanadio ← Cromo → Manganese
Numero atomico 24
Simbolo Cr
Temperatura di fusione 1 860 °C
Temperatura di ebollizione 2 672 °C
Anno della scoperta 1797
Scopritore Nicolas-Louis Vauquelin


Il Cromo è un elemento chimico avente un numero atomico pari a 24 e peso atomico di circa 51,9961. Il simbolo del cromo è Cr.

Origine del nome[modifica | modifica wikitesto]

Il cromo fu scoperto da Louis-Nicholas in Francia nel 1797 nel minerale crocoite (). Nel 1822 cominciò lo sviluppo dei composti del cromo nella produzione di pigmenti coloranti, ossidanti, concianti. Nel 1865 cominciò a diffondersi il suo uso nelle leghe metalliche, già sperimentato da Faraday nel 1821.

Disponibilità[modifica | modifica wikitesto]

Produzione mondiale di cromo nel 2002

Il cromo si estrae sotto forma di cromite (Errore del parser (MathML, altrimenti SVG o PNG (consigliato per browser moderni e strumenti di accesso facilitato): risposta non valida ("Math extension cannot connect to Restbase.") dal server "https://wikimedia.org/api/rest_v1/":): {\displaystyle \ce{FeCr2O4}} ).

Circa metà della cromite estratta nel mondo viene dal Sudafrica. Altri produttori importanti sono il Kazakistan, l'India e la Turchia.

Esistono molti giacimenti non ancora sfruttati di cromite, ma sono quasi tutti in Kazakistan e in Sudafrica.

La produzione annua nel 2000 è stata di circa 15 milioni di tonnellate, convertita quasi tutta in 40 milioni di tonnellate di lega ferro-cromo con un valore approssimativo di mercato di 2 miliardi di euro.

Utilizzi[modifica | modifica wikitesto]

Utilizzi del cromo e dei suoi composti:

  • In metallurgia, per conferire resistenza alla corrosione ed una finitura lucida:
  • Come costituente per leghe resistenti al calore, come nell'acciaio inox, nelle leghe per resistenze elettriche.
  • Per la cromatura,
  • Per smalti e vernici.
  • L'ossido di cromo è un lucidante per metalli
  • I sali di cromo colorano il vetro di verde smeraldo.
  • Il cromo è responsabile del colore rosso dei rubini, ed è usato nella produzione di rubini sintetici. Come catalizzatore.
  • La cromite si usa per fare impasti per la cottura dei mattoni.
  • Sali di cromo si usano nella conciatura del cuoio.
  • Il dicromato di potassio è un reagente chimico ed è anche un agente titolante. Si usa anche come mordenzante per tinture per stoffa.
  • La miscela cromica è usata nella pulitura della vetreria di laboratorio.
  • L'ossido di cromo si usa per fabbricare nastri magnetici: grazie alla maggiore coercitività rispetto al ferro, i nastri al cromo offrono prestazioni superiori.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Questo è uno dei 22 racconti