Costellazione

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni

Le costellazioni sono formate da gruppi di stelle abbastanza lontane tra loro e mantengono le loro posizioni reciproche sempre costanti all'occhio umano. Per riconoscere meglio le stelle durante la notte, gli antichi astronomi le raggrupparono in costellazioni dando loro nomi di animali o personaggi mitologici. Le costellazioni più diffuse formano lo odiaco, ma tra queste ce ne sono altre come l'Orsa Maggiore, Orione, l'Orsa Minore.

Le stelle dell'Orsa Maggiore sono chiamate, in ordine da est a ovest: Dubhe, Merak, Phecda, Megrez, Alioth, Mizar e Alkaid.

Beta e la Stella Polare stanno all'estremità dell'Orsa Minore.

Le costellazioni rimangono sempre ferme dove sono, anche se a noi sembra che alcune durante il giorno scompaiano, questo a causa della rotazione terrestre. Alcune costellazioni ruotano attorno ad un punto, considerato punto di rotazione, che è la Stella Polare, una stella che nel cielo è situata in corrispondenza al Polo nord. La costellazione della Stella Polare è nell'Orsa Minore. Un’altra stella importante si chiama Croce del Sud, è molto luminosa, è situata nell'emisfero australe ed indica il sud. Essa viene anche raffigurata nelle bandiere degli stati situati nell'emisfero australe, come la Nuova Zelanda, l'Australia. Se voglio indicare una stella delle costellazioni userò una lettera dell'alfabeto greco, in base alla loro luminosità si parte da alfa e via così. In realtà le costellazioni non esistono perché sappiamo che si tratta di un'illusione ottica dovuta alla prospettiva: le stelle che formano le costellazioni in realtà non sono vicine ma da una persona che le guarda dalla Terra sembrano così.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]