Le associazioni Vikidia e Wikimedia Francia hanno bisogno di te!
Le associazioni Vikidia e Wikimedia Francia hanno bisogno del tuo aiuto per partecipare a un sondaggio sui contributori e sui lettori di Vikidia. Ti basteranno solo 10 minuti e ci permetteranno di conoscervi meglio e migliorare l'enciclopedia.
Hai tempo dal 12 luglio al 30 settembre per rispondere. Ti ringraziamo in anticipo!

Link al sondaggio (in lingua francese)

Cerio

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Wiki2map logo.svg
Leggi come una mappa mentale
Cerio
Aspetto dell'elemento
Cerio allo stato solido
Dati fisico/chimici
Lantanio ← Cerio → Praseodimio
Numero atomico 58
Simbolo Ce
Temperatura di fusione 795 °C
Temperatura di ebollizione 3 443 °C
Anno della scoperta 1803
Scopritore Martin Heinrich Klaproth , Carl Gustav Mosander e Jöns Jacob Berzelius


Il nome cerio venne dato da Berzelius dal nome del pianeta nano Cerere, scoperto due anni prima (1801).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il cerio venne scoperto nel 1803 in Svezia da Jöns Jacob Berzelius e Wilhelm Hisinger , ed in Germania , scoperto indipendentemente da Martin Heinrich Klaproth. è stato il primo dei Lantanidi ad essere scoperto nel 1803.

Caratteristiche fisiche[modifica | modifica wikitesto]

Il cerio è un metallo duttile, malleabile e di colore bianco-argenteo. Si ossida rapidamente quando è esposto all'aria e può essere tagliato facilmente con un coltello. Utilizzato in alcune leghe a base di terre rare, è simile al ferro, ma più morbido, più duttile e più malleabile.

Il cerio

Caratteristiche chimiche[modifica | modifica wikitesto]

Il cerio è l'ottavo numero atomico e il suo simbolo è il Ce. È composto da tre isotopi stabili e uno radioattivo. È molto reattivo : si appanna rapidamente nel aria. Si dissolve in acidi.

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Il cerio è usato in leghe ferro-alluminio, nell'acciaio inossidabile come agente indurente precipitante, per fare i magneti permanenti , per produrre i catalizzatori e per lucidare il vetro. è utilizzato anche per le lampade utilizzate nell'industria del cinema. Viene utilizzato per creare composti di vetro, ma anche per creare smalti colorati.

Disponibilità[modifica | modifica wikitesto]

Fra gli elementi delle terre rare, il cerio è l'elemento più abbondante nella crosta terrestre. È contenuto in un certo numero di minerali, i più importanti dei quali sono l'allanite , la monazite , la bastnasite, l'hydroxylbastnasite, il rhabdophane e la synchysite.

Precauzioni[modifica | modifica wikitesto]

Il cerio, come tutte le terre rare, è moderatamente tossico. È un forte riducente e si incendia spontaneamente all'aria se riscaldato fino a 65–80 °C. Il cerio può reagire con lo zinco in modo esplosivo e la sua reazione con il bismuto e l'antimonio è molto esotermica. I fumi esalanti da incendi di cerio sono tossici. Non si deve usare acqua per spegnere incendi di cerio, perché dalla reazione chimica fra cerio e acqua si sprigiona idrogeno, che è altamente infiammabile. Lavoratori esposti al cerio hanno accusato prurito, sensibilità al calore e lesioni cutanee; animali cui sono state iniettate forti dosi di cerio sono morti per collasso cardiovascolare. L'ossido di cerio è un potente ossidante ad alte temperature e reagisce con materiale organico combustibile. Anche se il cerio in sé non è radioattivo, il cerio commercialmente disponibile può contenere tracce di torio, che invece lo è. Il cerio non svolge alcun ruolo biologico noto negli organismi viventi.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Può essere trovato nelle case in apparecchiature quali televisori a colori, lampade fluorescenti . Il cerio è pericoloso sul luogo di lavoro, dato che polvere e gas possono essere inalati con l'aria. Al cerio è dedicato uno dei racconti del libro il sistema periodico di Primo Levi.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

https://it.wikipedia.org/wiki/Cerio https://www.lenntech.it/periodica/elementi/ce.htm