Carlo V d'Asburgo

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Carlo V d'Asburgo

Anthony Van Dick - Ritratto equestre dell'imperatore Carlo V - Google Art Project.jpg

Nome
Cognome
Sesso
Luogo di nascita
Data di nascita
Luogo di morte
Data di morte
Attività
Carlo
d'Asburgo
M
Gand
24 febbraio 1500
Cuacos de Yuste
21 settembre 1558
imperatore del Sacro Romano Impero

Carlo d'Asburgo, imperatore del Sacro Romano Impero come Carlo V, nato il 24 febbraio 1500, divenne l'uomo più importante d'Europa poichè era a capo di un impero vastissimo. Era solito dire che sul suo impero il sole non tramontava mai. Nel 1516 morì Ferdinando e Carlo V ereditò il trono e la corona di Spagna.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Greater Coat of Arms of Charles V Holy Roman Emperor, Charles I as King of Spain.svg

Principe elettore[modifica | modifica wikitesto]

In pochi anni riuscì ad avere i Paesi Bassi, che ereditò dalla nonna paterna, e, essendo nipote dell'imperatore Massimiliano I di Germania, poté candidarsi per il trono imperiale che riuscì ad ottenere viste le grandi somme di denaro date ai principi tedeschi elettori. Nel 1519 diventò imperatore d'Austria, Germania, Ungheria, Boemia, Paesi Bassi, Spagna e delle colonie di America, Napoli, Sicilia e Sardegna. Il sogno di Carlo V era quello di creare un impero universale e con una sola unità religiosa (il cattolicesimo), però il re di Francia Francesco I, sentendosi accerchiato, non voleva ulteriori espansioni da parte dell'impero di Carlo V e così si scatenarono molte guerre che iniziarono nel 1521 e che si svolsero soprattutto in Italia.

Il sacco di Roma[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1525 Francesco I perse nella battaglia di Pavia, Carlo V però non lo trattò come uno schiavo anzi, con spirito cavalleresco e con rispetto. Appena Francesco I fu liberato andò subito da papa Clemente VII con cui fece alleanza nella guerra con Carlo V. L'imperatore però si arrabbiò vedendo che il papa si era alleato con un re non cattolico. Carlo V si vendicò e lasciò che i Lanzichenecchi saccheggiassero Roma nel 1527 nel cosiddetto Sacco di Roma.

La spartizione dello Sacro Impero Romano[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1556 abdicò e divise il suo regno in due. A suo fratello Ferdinando diede la corona imperiale e i seguenti territori: l'Ungheria, la Boemia e l'Austria. Invece a suo figlio Filippo II diede la corona spagnola, i Paesi Bassi, i possedimenti italiani e le colonie in America.

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1556 visse in un monastero per i suoi ultimi anni di vita dove morì nel 1568.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Franco Amerini e Roberto Roveda, Chiedi alla storia volume 2, Pearson edizione 2011

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]