Calcare

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni
Calcare grigio

Parametri chimici e fisici[modifica | modifica wikitesto]

  • Composizione chimica: CaCO3;
  • Massa molare: 100,41 g;
  • temperatura di fusione: non misurabile: il calcare si decompone prima di fondere;
  • stato di aggregazione: solido.

Origini naturali del calcare[modifica | modifica wikitesto]

Il calcare o carbonato di calcio è il costituente principale delle rocce carbonatiche che si sono formate per evaporazione di specchi d’acqua contenenti molto calcio, per cui sono rocce sedimentarie.

Tra le rocce carbonatiche ci sono i marmi, le stalattiti e le stalagmiti (costituiti per oltre il 95% da calcare).

Altri posti in cui si può trovare il calcare sono i gusci di alcuni invertebrati e il guscio delle uova.

Usi del calcare[modifica | modifica wikitesto]

Dal calcare, per riscaldamento a 120°C si ottiene la calce “viva” (ossido di calcio) con la quale si può preparare la calce “spenta” (idrossido di calcio) aggiungendovi acqua.

La calce spenta si usa per unire insieme i mattoni oppure, miscelata con sabbia silicea (si ottiene la malta “bastarda”), per rivestire le pareti esterne di costruzioni “economiche” come muri di recinzione.

Durante l’indurimento, la calce “spenta” si combina con l’anidride carbonica dell’atmosfera per riformare il calcare.