Badminton

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni


bussola DisambiguazioneSe cercavi altri significati del termine, oppure cercavi un'altra persona, vedi la pagina Volano
Badminton

Badminton Semifinal Pan 2007.jpg

Federazione Badminton pictogram.svg BWF
Invenzione imprecisata
Genere individuale o in coppia
Detentore del
titolo mondiale
vari in varie discipline[1]
Sport olimpico dal 1992
Componenti di
una squadra
uno o due



Il badminton, conosciuto anche come volano, è uno sport simile al gioco del tennis. Consiste nel colpire con delle racchette leggere, un cono formato da piume infilate attorno ad una base semisferica, detto appunto volano. È molto diffuso in Asia, in particolare in Cina, in Indonesia, in Corea del Nord e Corea del Sud.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il volano
Racchette da badminton

Il badminton ha origini molto antiche. Venne introdotto dall'India in Inghilterra nella seconda metà del XIX secolo dal duca di Beaufort. È diventato sport olimpico ai giochi olimpici di Barcellona nel 1992.

Regole[modifica | modifica wikitesto]

Il badminton si gioca su un campo rettangolare diviso da una rete alta 1,524 metri al centro e 1,550 metri ai lati. Può essere praticato da due giocatori (singolo maschile o femminile), da due coppie (doppio maschile o doppio femminile) e anche da due coppie formate da giocatori di entrambi i sessi (doppio misto). Il gioco consiste nel colpire il volano con la racchetta, cercando di mandarlo nella metà campo avversaria, oltre la rete, dove dev'essere ribattuto al volo dagli avversari. Una partita di badminton è composta da set, nei quali vince chi riesce ad arrivare per primo a 21 punti. La partita viene vinta dal giocatore o dalla coppia che riesce a vincere più della metà dei set giocati.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. Detentore del titolo mondiale: Viktor Axelsen (singolare maschile), Nozomi Okuhara (singolare femminile), Liu Cheng - Zhang Nan (doppio maschile), Chen Qingchen - Jia Yifan (doppio femminile), Tontowi Ahmad - Liliyana Natsir (doppio misto)

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]