Allergia

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni

L'allergia è una malattia del sistema immunitario.

I fenomeni allergici[modifica | modifica wikitesto]

I fenomeni allergici sono disturbi, che possono essere anche gravi, che colpiscono un gran numero di persone.[1] Questi disturbi sono causati da disturbi immunitari a vari agenti estranei che sono talmente forti e anomale che rappresentano un danno per l'organismo. Le allergie sono un fenomeno che viene trasmesso per via ereditaria dalla nascita; i figli di una persona allergica non sempre ereditano dai genitori l'allergia e a volte non sono sensibili allo stesso allergene dei genitori.

Gli allergeni[modifica | modifica wikitesto]

Gli allergeni sono gli agenti estranei per il nostro corpo. Il polline, la polvere, il pelo degli animali, gli alimenti, i farmaci, i cosmetici e le punture degli insetti sono gli allergeni più comuni e più diffusi. Quando gli allergeni entrano nel nostro organismo l'apparato respiratorio, partendo dalle mucose, creano anticorpi specifici. Alla reazione della produzione degli anticorpi segue la liberazione dell'istamina che provoca prurito nasale, febbre, congiuntivite e difficoltà respiratorie.

Cosa serve per verificare i fenomeni allergici[modifica | modifica wikitesto]

I fenomeni allergici si verificano se la persona è predisposta, cioè ha un allergia che le è stata trasmessa per via ereditaria, e se incontra più volte l'antigene al quale è allergico.[2]

Sintomi[modifica | modifica wikitesto]

Anafilassi
  • Naso: raffreddore con starnuti continui.
  • Occhi: si gonfiano a arrossano (congiuntivite allergica)
  • Vie aeree inferiori: irritazione, broncostrizione, attacchi d'asma.
  • Pelle: dermatite allergica.

La risposta all’allergia vine chiamata anche "anafilassi":

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. La mela di Newton, Vol. c, Aldo Acquati, Carmen De Pascale, Flora Scuderi, Valeria Semini, Loescher, 2006
  2. Wikipidia