Afnio

Da Vikidia, l'enciclopedia libera dagli 8 ai 13 anni

L'afnio è l' elemento chimico con numero atomico 72 e simbolo Hf.

Origini del nome[modifica | modifica wikitesto]

Da Hafnia, nome latino di Copenhagen.

Diffusione in natura[modifica | modifica wikitesto]

Si trova, in tracce, in minerali come lo zirconio [ Zr(SIO)4 ] e la baddeleyte ( ZrO2 ).

Caratteristiche fisiche[modifica | modifica wikitesto]

E’ un metallo, lucido, di colore grigio-argento. A 25 °C si trova allo stato solido e si presenta con struttura cristallina ed esagonale. La densità a 293 K è pari a 13.2 g/cm³. La temperatura di fusione è pari a 2227°C mentre la temperatura di ebollizione è circa~5300°C.

Caratteristiche chimiche[modifica | modifica wikitesto]

Si presenta duttile e resistente alla corrosione. E' resistente agli alcali concentrati mentre reagisce con  gli alogeni. Ad alta temperatura l'afnio reagisce con ossigeno, azoto, carbonio, boro, zolfo e silicio.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'afnio è stato scoperto da Dirk Coster e George Charles de Hevesy nel 1923 a Copenaghen, Danimarca. All'inizio del 1923 alcuni chimici e fisici, tra cui Niels Bohr e Charles R. Bury proposero che l'elemento 72 dovesse assomigliare allo zirconio e quindi non far parte delle terre rare. Dirk Coster e George Charles de Hevesy cominciarono a cercare l'elemento 72 nei minerali di zirconio fino a scoprire l’afnio. Nel sigillo della Facoltà di scienze dell'Università di Copenaghen compare un'immagine stilizzata dell'afnio.

Usi[modifica | modifica wikitesto]

Utilizzato nella costruzione di reattori nucleari, per la sua capacità di assorbire elettroni. Durante  la reazione di assorbimento non produce elio. Ha buona stabilità e mantenimento delle proprietà meccaniche sotto radiazione. Il periodo di utilizzo delle barre in afnio può superare i 10 anni.

Sicurezza[modifica | modifica wikitesto]

L'afnio va trattato con attenzione perché quando è in polvere è piroforico, cioè si accende spontaneamente a contatto con l'aria.

Tutti i suoi composti dovrebbero essere trattati come sostanze tossiche.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Wikipedia Bisceglia

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]